MYRDDIN (MERLINO): LA STORIA E LA LEGGENDA

di Myrddin


Preferisco le grandi querce frondose

Le alte cime e le lande verdeggianti che si stendono ai loro piedi

Questo mi piace

La foresta di Kelyddon ricca di noci

Sarà la dimora che prediligerò sopra ogni altra.

L'avaro brama una ricompensa

L'avaro non pensa che a possedere

Quello che hanno non basta loro

A me bastano le ghiande dell'amena Keliddon

Le chiare sorgenti

Che fluiscono attraverso i prati odorosi

I doni vanno bene per l'avaro

In quanto a me

Non possono comperarmi

La libertà

Sono le mie valli boscose!

(Vita Merlini)


1. Myrddin, le origini di Merlino

Myrddin appare per la prima volta in alcuni resoconti gallesi (Armes Prydein, Y Gododdin) dell'inizio del X secolo come un profeta, ma il suo ruolo diviene presto quello di mago, profeta e consigliere, incantatore, attivo in tutte le fasi del regno di Re Artù. Alla nascita gli era stato dato il nome di  Emrys (o Ambrosius), avvenuta a  Caer-Fyrddin (Carmarthen).

La denominazione Merlinus  venne utilizzata per la prima volta da Geoffrey di Monmouth nell'Historia Regum Britanniae, nelle Prophetiae Merlini e nella Vita Merlini, e dunque solo più tardi viene conosciuto come Merlino (Merlin), una versione latinizzata della parola gallese,  Myrddin, derivante dal suo luogo di nascita, la città di Caermyrddyn dove era nato.

Nella latinizzazione, Geoffrey sostituì la /d/ con una/l/, altrimenti ne sarebbe uscito un irriguardoso appellativo scatologico.

Nel mondo secondario  disegnato da J. R. R. Tolkien nell'imponente trilogia Il Signore degli anelli, il mago Gandalf ? chiamato anche dagli elfi Mithrandir ('Il Grigio Pellegrino'), prima che diventi il capo del 'Bianco Consiglio', e il nome di Myrradim (Merlino, in inglese) ? il nome dello smeriglio, un piccolo 'falco grigio'.


Merlino era il figlio illegittimo di una Principessa reale monaca di Dyfed.

Il padre della dama, Re Meurig ap Maredydd ap Rhain, non ? stato trovato negli annali di questo regno, e probabilmente era un sovrano minore della regione al confine di  Ceredigion.  Il padre, ? detto, era un angelo che visitò la ragazza e la lasciò incinta. I nemici di Merlino dissero il padre che era realmente un demone incubo, uno spirito del male che aveva agito mentre la donna dormiva. Il figlio del male si supponeva fosse un contrappeso all'influenza di Gesù Cristo sulla terra. Myrddin, per fortuna, raccontano, fu subito battezzato, un evento che aveva annullato la sua natura maligna, ma lasciato intatti i suoi poteri.

Questa storia era chiaramente inventata per salvare la madre dallo scandalo pubblico di avere avuto un rapporto .con un  Morfyn  Frych (“the Freckled”), un principe minore della casata di  Coel.

2. Mago, consigliere, druido

Il mago Merlino, secondo la leggenda tutore e consigliere di Artù, visse nel VI secolo; era un Bardo gallese molto noto per le sue profezie.

Myrddin presenta in effetti tutti i caratteri del dio Lug (in gallese Llen), il Mercurio-Hermes degli antichi Celti. Anche questo, difatti, nelle saghe irlandesi e nelle leggende delle isole britanniche, ? mago, guerriero e arti sta e, pur combattendo contro le potenze delle Tenebre e i loro eserciti, ? imparentato con esse (per linea materna Lugh, in via paterna Merlino).


La definizione di mago era appropriata, soprattutto in epoca oramai cristiana, in effetti la nuova religione definiva con questo termine i druidi, e Merlino era uno degli ultimi appartenenti a questa categoria antica [druida indica in generale il sapiente dell'Antica Religione celtico, a qualunque classe appartenga e qualunque sia la sua specializzazione, ovvero indovini, giudici, medici, poeti, arpisti, veggenti, storici, gutuater ("invocatori di divinità"): erano la prima classe della società celtica e il loro ruolo accanto a quello del re ? di primaria importanza, al punto che il re non prende nessuna decisione, n? pronunzia alcuna sentenza senza aver prima consultato il suo druida, o senza che questo abbia dato il suo assenso (potere spirituale enorme, esercitato in luoghi sacri naturali, pietre fitte, sorgenti, alberi sacri), in una società celtica nella quale da una parte  la religione cristiana dall'altra i sassoni premevano in modo sempre più dirompente].


La sua vita - almeno secondo le incerte cronologie del basso medioevo - fu incredibilmente lunga.

Merlino compariva col nome di Ambrogio compariva negli anni 829-830 nell'Historia Brittorum, un tempo attribuita a Nennio, nella quale egli era contemporaneo di Vortigern, e come bardo Myrddin, protagonista di un ciclo di poemi profetici gallesi.

3. Il primo “cronista” di Merlino

Fu il Vescovo Alessandro di Lincoln a richiedere a Geoffrey di Monmouth [un chierico gallese, già autore della Historia Regum Britanniae - "Storia dei Re di Britannia"-  verso il 1135: dove si narrano le gesta di Re Artù] di "prophetias Merlinide Britannico in latinum transferre", ovvero di tradurre le profezie dal gaelico al latino, e, difatti, le Prophetiae Merlini (che, molto probabilmente, l'autore aveva reinventato) sono precedute da una dedica all'alto prelato. Forse proprio grazie all'autorità del committente, la Chiesa Cattolica considerò Merlino un profeta "cristiano" e degno di rispetto; anche se in realtà, nella saga arturiana, ? il mago che guarda con profondo rimpianto alla scomparsa dell'antica religione, e capisce che quanto avviene permetterà "al dio Unico di cacciar via i molti D?i Antichi" (dal film Excalibur di John Boorman).

4. La Storia del Regno di Britannia

Nella Histora Regum Britanniae Geoffrey  narra l'incredibile nascita di Merlino dall'unione di un incubo con una vergine, aveva poi ricordato episodicamente le sue profezie e gli interventi magici  da lui compiuti alla corte dei re Vortigern e Uther Pendragon, ma non aveva più fatto menzione di lui dopo l'episodio dello straordinario concepimento di Artù.

5. Le Profezie di Merlino

Al centro della Profethiae Merlini (Profezie di Merlino) Geoffrey collocò dunque una formidabile figura destinata a suscitare enorme curiosità: quella di Merlino, celebrato più tardi come mago nel Roman de Merlin di Robert de Boron. Qui egli appare innanzitutto  nelle vesti di profeta che espone una serie di vaticini relativi alla storia britannica a partire dall'invasione dei Sassoni. Composta in un linguaggio oscuro e sconcertante, pieno di simbolismi spesso di difficile decifrazione [ma Merlino diceva:io sono e resterò oscuro per tutti coloro ai quali non intendo dare spiegazioni, De Boron] e basato su metafore di animali (draghi, leoni, lupi, cinghiali, volpi, ricci, pesci, uccelli etc.) la Profezia di Merlino, collocata nel VII libro della Storia Si può considerare la prima opera di letteratura profetica dedicata esclusivamente all'ambito politico

Tra le sue profezie, la seguente sembra parlarci oggi, in un momento in cui sembra che l'equilibrio delicato del mondo sia sempre più in pericolo:

Gli uomini si inebrieranno di vino e dimenticheranno il cielo per la terra.

Gli astri si allontaneranno da loro e confonderanno il loro corso.

Le messi seccheranno e l'acqua scomparà dalla terra.

Le radici si muteranno in rami e i rami si muteranno in radici.

La luce del Sole sarà eclissata dalla luce argentata di Mercurio ...

Il carro della Luna turberà lo Zodiaco e le Pleiadi verseranno lacrime.

Tutto cesserà presto di compiere il suo ufficio, ma Arianna si rinchiuderà presto dietro la sua porta chiusa.

Il colpo del raggio solleverà i mari, e la polvere dei tempi antichi ricomparirà.

I venti si urteranno e il loro baccano andrà a perdersi negli astri [cit. In Markale, Merlino, p. 262, Milano 1999].


Se la Storia nella sua totalità ebbe una straordinaria diffusione (se ne conoscono oggi oltre 200 manoscritti!) , le Profezie di Merlino ebbero una circolazione ancora più vasta perché, oltre ad essere naturalmente tramandata da tutti i manoscritti della Storia, di cui fa parte, fu riportata come testo autonomo da più di 80 manoscritti e venne più volte rielaborata interamente o parzialmente

6. La Vita di Merlino

Il  poema Vita Merlini ? da Geoffrey  dedicato esclusivamente a Merlino, questa volta presentato già adulto, potente re di Demetia (nel Galles meridionale), sposato, con  una sorella affezionata, Ganieda.

A fianco di Peredur (l'eroe che ricomparirà nella letteratura cortese, con il nome di Perceval o Parsifal) partecipa a una battaglia e impazzisce per il dolore dopo aver assistito alla tragica morte di tre fratelli.

Dotato del dono della profezia; reso folle dal dolore per la morte in battaglia di tre amati fratelli e divenuto ormai vecchio, egli vive in solitudine nella foresta Caledonia, come un animale selvaggio. La follia di cui ? preda gli consente però si pronunciare ancora oscuri vaticini ed enigmatiche profezie, che puntualmente si avverano. Aveva anche appreso a dialogare con gli spiriti della Natura e con gli animali della terra, dell'aria e del cielo.

Merlino ? dunque “il Folle del Bosco, a condizione che si voglia ben considerare che la nozione di follia ricopre anche quella di “saggezza misteriosa ispirata alla divinità”. Infatti la follia di Merlino ? sacra. Egli ? profeta e mago” (Alessandro Pasqualini).

Nel bosco compone, tra le altre, questa poesia profetica:


Dolce melo dai rami incantevoli,

tu che innalzi da ogni parte le tue gemme vigorose,

io predirò in presenza del maestro di Marcho

che, nella valle di Machway, un mercoledì, ci sarà del sangue

e della gioia per gli uomini di Lloegr le cui lacrime saranno rosse.


Un Merlino privo di memoria, ma in grado di predire il futuro, si aggira nella foresta di Caledonia, dove vive in comunione con la natura. Recuperata la ragione grazie all'acqua di una sorgente miracolosa, Merlino non sopporterà di assistere allo spettacolo della Britannia dilaniata dalle guerre civili, e preferirà rimanere nella foresta, in un palazzo con settanta porte e settanta finestre, fattogli costruire da Ganieda.

Tra l'altro viene anche ricordato mentre a cavallo di un cervo, mentre guida una processione notturna di animali selvatici [da notare che nella cattedrale di Otranto, in Puglia, nel vasto mosaico pavimentale completato verso il 1160, compare re Artù in groppa a un animale che ha tutta l'aria di essere un cervo. Sin dall'antichità la simbologia del cervo ? connessa a significati religiosi, quali l'allegoria del trionfo del Bene sul Male. Una divinità celtica di Merlino, Cernunnos, Dio della Fertilità, del rinnovamento e della metamorfosi, ? raffigurata con sembianze di cervo. Il cristianesimo farà del cervo un emblema di Cristo e lo assocerà al culto di alcuni santi, come Eustachio, o come Cadoc: quest'ultimo visse nel Galles intorno al VI secolo e la sua vita ? posta in relazione con le vicende di re Artù].

Ma quando queste arti divinatorie passeranno alla sorella, la regina Ganieda, il profeta deciderà di tornare nella foresta e non parlare mai più. A questo punto il poema termina con una profezia di Ganieda  riferita ad avvenimenti politici inglesi dell'epoca di Goffredo.

La “ Vita, nonostante qualche piccola incongruenza nella trama, si presenta come una storia altamente drammatica, narrata con toni vivaci, in cui il poeta sa controbilanciare abilmente i due aspetti fondamentale della personalità di Merlino: la follia e il genio profetico. Dal loro armonioso contrasto emerge una figura misteriosa e affascinante, in grado di contendere ad Artù la palma dell'eroe preferito nel cuore del lettore e dell'ascoltatore medievale” [Ferruccio Bertini].

7. La storia di Merlino tra storia, leggenda e romanzo

Dunque, come detto, secondo Geoffrey, i poteri magici di Merlino hanno un origine diabolica. Un assemblea infernale di demoni - racconta la Vita Merlini - ordisce un complotto per generare una sorta di Anticristo destinato a diffondere il male nel genere umano.

A questo scopo, la figlia di un ricco mercante viene posseduta nel sonno da un "Incubo", ma rivela quanto ? accaduto al confessore: questi traccia sul suo corpo il segno della croce, così, quando il bimbo nasce [450 d.C.), ? irsuto come un demone, ma non ha il desiderio di fare del male.

Dal padre Satana, Merlino ha ereditato la capacità di conoscere il passato; Dio stesso, attraverso la madre, gli ha conferito il potere di prevedere il futuro.

Viene cresciuto in un convento e all'età di 9 anni rischia la vita per mano del re Vortigern [Vortigern (gallese Gwrtheyrn). Re di Britannia, ritenuto nelle Triadi gallesi un usurpatore e un traditore: per respingere gli attacchi di Scoti e Picti, avrebbe chiamato in aiuto, come mercenari, i Sassoni] Errore. Il nome file non e8 valido. pronto a tutto pur di costruire la sua fortezza sulle montagne del Galles.

Secondo i maghi consiglieri di Vortigern urgeva sacrificare il sangue di un fanciullo orfano di padre per rendere edificabile il terreno sopra il quale da mesi le fondamenta della fortezza continuavano a crollare.

Ambrosio Merlino [la natura semidivina del protagonista ? sottolineata dal suo stesso nome, Ambrosio, l'ambrosia era il "nettare degli degli dei" della mitologia greca, e l'ape e il miele sono presenti come simbolo di sapienza divina in molte altre culture, compresa quella celtica, dove l'idromiele era la bevanda degli dei che permetteva di accedere a stati di coscienza particolari, utili per profetizzare] - questo il suo nome completo - sfida vittoriosamente i maghi della corte del re Vortigern, e ne diviene consigliere.


Spiega al sovrano il motivo dei ripetuti crolli della torre, e anche il significato allegorico del combattimento fra due draghi annidati nel fondale di una palude (sul quale veniva costruita la torre); quindi pronuncia una lunga profezia (che occupa quasi tutto il libro VII e fu divulgata anche separatamente dal resto dell'opera di Goffredo). In seguito Merlino pone i propri poteri al servizio dei due successivi re di Britannia, Ambrosio Aurelio e Uter.

Diviene poi consigliere  di Re Uther  Pendragon.

Un vecchio manoscritto tenuto nella Biblioteca del Corpus Christi a Cambridge introduce Stonehenge con queste parole:

Nel 483 A.D. il mago Merlino trasportò la Danza dei Giganti dall'Inghilterra a Stonehenge


“Merlino andò a trovare Uther Pendragon e lo portò nella piana di Salisbury. Il re non poteva credere ai propri occhi: nel luogo in cui si era svolta la battaglia si ergeva un cerchio di pietre magnificamente disposte, al centro del quale si trovava una roccia piatta che rifletteva i raggi del sole nascente.

“Non so come tu abbia fatto”, disse Uther a Merlino, “devo ammettere però che non mi aspettavo un simile prodigio!”.

L'indovino replicò: “Questo monumento sarà la testimonianza della vittoria tua e di Emrys. Lo dovevi alla memoria di tuo fratello. Ma sappi che si dirà che ? la Danza dei Giganti, e che gli spiriti vengono in questo luogo, tra queste pietre, ogni notte in attesa della luce che infiammerà il mattino e ridarà vita al mondo” ["Si tratta evidentemente dello strano monumento di Stonehenge... Questo monumento, datato alla fine dell'era megalitica, ? stato trasformato più volte durante l'età del bronzo ... Bisogna anche sottolineare il fatto che uno dei cerchi del monumento (sono infatti diversi) ? composto di pietre blu provenienti dalla contea di Pembroke, a diverse centinai di chilometri da lì. La leggenda di Merlino e il soprannome Chorea Gigantorum sono reminiscenze di un'epoca antica e dimostrano che si tratta di un luogo sacro", pagg. 156 e 338 J. Markale, Il mistero del Graal, Colui che sarà re, (1992) trad. It. Milano, Sonzogno 1998].


Nei secoli del Medioevo mistico, quando l'immaginazione era permeata dalla cultura elfica e demoniaca, dagli incantesimi delle fate e dei folletti, fu naturale considerare i menhir, i dolmen i cromlech come degli immensi giganti pietrificati. Goffredo di Monmouth nella Vita Merlini (1140), una delle prime opere dedicate alla saga di re Artù, cita un enorme complesso circolare composto da grandi pietre, si tratta della Chorea Gigantum ('Danza dei Giganti') che si trovava in Africa, da lì un popolo di titani lo portò in Irlanda sul 'Monte Killarus', come mausoleo per 460 nobili guerrieri di Aurelio Ambrosio, uccisi dai Sassoni. Il padre di Artù, Re Uther Pendragon, chiese a Merlino di trasferire l'intero colosso nella piana di Salisbury, e il Mago con l'aiuto degli Angeli diede vita a Stonehenge. La teoria di Goffredo fu accettata senza discussioni per 500 anni


Uter si innamora della virtuosa Ygerne, moglie del Duca di Tintagel, la quale non ricambia le sue attenzioni. Il mago fa allora in modo che il suo protetto assuma magicamente le sembianze del suo nemico, il duca Gorlois di Cornovaglia. Così trasformato, Uter penetra indisturbato nella munita rocca di Tintagel, a picco sul mare, e così, grazie a questo inganno, può trascorrere una notte d'amore con la bella Igerna, moglie del duca. Igerna rimane incinta; da quella notte di inganni nascerà re Artù, che Merlino prende sotto la sua tutela finché diviene Re dei Britanni.


Dopo la nascita di Artù, Merlino divenne il tutore del ragazzo, che cresceva affidato al padre adottivo Sir Ector (alias Cynyr Ceinfarfog - the Fair Bearded).

Artù (475-542 d.C.) richiama il dio celtico Artio, orso, e anche l'eroico re irlandese Finn.

"Arthur" (in Inglese) potrebbe derivare dal latino Artorius (in tal caso Artù era forse un Comes Britanniarum , ovvero un rappresentante locale dell'Impero Romano), dal celtico Artos Viros o dal corrispondente gaelico Arth Gwyr ("Uomo Orso"), o ancora dal già citato Art (Roccia in irlandese). Un principe britanno chiamato "Arturius figlio di Aedàn mac Gabrain Re di Dalriada" ? citato dall'agiografo Adomnan da Iona nella Vita di San Colombano (VIII secolo); nella Historia Brittonum (IX secolo) lo storico Nennio racconta che il dux bellorum Artorius uccise personalmente novecentosessanta Sassoni durante la battaglia di Mons Badonis (Bath?); gli Annales Cambriae (X secolo) descrivono la sua morte e quella del traditore Medraut ("Mordred") nella battaglia di Camlann nell' "Anno 93" (539 d.C.?); ma altri storici dell' epoca, tra cui Gildas e il Venerabile Beda (ma a quest'ultimo Artù aveva ucciso un fratello, secondo Giraldo Cambrense), non fanno alcun cenno a un condottiero chiamato Artù.


Arthur diventa protagonista o comprimario di narrazioni gallesi intorno al 600 d.C.; in un poema del ciclo Gododdin attribuito al bardo Aneirin ? descritto come un guerriero invincibile, una sorta di "Conan" ante litteram.

Preiddeu Annwn ("Il sacco dell'Inferno"), The Black Book of Carmanthren e Culhwch ut Olwen sono racconti tratti dai lai (cantate ) dei Bardi messi per iscritto soltanto intorno al XII secolo, ma che riferiscono narrazioni celtiche del VII-VIII secolo; nel Preiddu Annwn, attribuito al bardo Taliesin, Artù discende agli inferi per recuperare un magico calderone; in The Black Book of Carmanthren si afferma per la prima volta che nessuno sa dove si trovi la sua tomba; in Culhwch ut Olwen, uno degli undici racconti in lingua gaelica che compongono la raccolta Mabinogeon, aiuta il nipote Culhwch a superare quaranta prove per garantirsi la mano della figlia del gigante Ysbaddadenvi. Qui Artù ? già circondato dalla sua corte, composta da Gwenhwyfar (Ginevra), Myrddin (Merlino), Keu (Kay), Bedwyr (Bedivere o Beduero), Gwalchmai (Gawain), Owein (Ivano), Medrawt (Mordred).

Merlino fece quindi in modo che i signori del regno si incontrassero il giorno di Natale a Londra. Sul sagrato davanti alla chiesa di Canterbury vi era una spada infissa in una pietra.

Che non era Excalibur [Excalibur (Escalibor e, nell'Historia Regum Britanniae di Errore. Il segnalibro non e8 definito., Caliburnus),in gallese Caledfwlch, che significa "(dal) duro taglio" (calet + bwlch; corrispettivo irlandese: caladbolg, pure nome di spada), ? unaErrore. Il nome file non e8 valido. spada forgiata nell'Altro Mondo, al quale ritornerà dopo la scomparsa di Artù], ma un'altra spada predisposta da Merlino.

Vicino a tale pietra  era scritto "Colui il quale estrarrà la spada sarà re di Britannia". Nessuno riusciva a sfilare la spada, finch? non ci provò il giovane Artù, che tra l'altro era all'insaputa di tutti il figlio legittimo di Uter, e acclamato da tutti divenne il sovrano.

Excalibur pervenne a Re Artù dopo l'incontro di Merlino con la mistica Dama del Lago alla Fontana di Barenton (in Britannia, secondo alcune leggende), che persuase la Fata a consegnare al Re la magica spada.

Merlino ? anche il creatore della Tavola Rotonda [che non ? attestata nei testi medievali gallesi e irlandesi, ? stata creata dai narratori dei racconti arturiani di lingua francese: ? nominata per la prima volta nel Roman de Brut di Wace (1155); in effetti, i Celti non possedevano la nozione di uguaglianza di rango, che ? simboleggiata appunto nella Tavola dei cavalieri della corte di Artù; al contrario, stando a quanto ci viene raccontato nel "ciclo eroico" irlandese dell'Ulster, relativamente ai banchetti presso la corte del re Conchobar, i guerrieri erano soliti discutere per sapere a chi spettassero il primo posto e il miglior boccone; i  cavalieri che attorniavano Errore. Il segnalibro non e8 definito. erano dodici, come gli apostoli della Santa Cena. Anche in ciò ? evidente la concezione cristiana e aristocratica che ? all'origine della nozione stessa di cavalleria e dei sentimenti e delle azioni dei cavalieri arturiani].

Myrddin ? anche strettamente coinvolto nell'indirizzo degli eventi e delle azioni che riguardano il Re e il Regno di Camelot.


Divenuto sovrano e signore di Camelot, sposa Ginevra e fonda una tavola rotonda di 150 cavalieri.

Con essi batt? i Sassoni, i Pitti e gli Scotti.

Durante la guerra  contro gli Scoti e i Pitti, Artù "li assediò per quindici giorni facendoli

morire di fame a migliaia", e poi "si abbandonò a indicibili violenze senza

risparmiare quelli che cadevano nelle sue mani"


Suoi compagni sono: 

  Tristano, che innamorato di Isotta, andò in Francia dove morì; 

  Lancillotto, che circuì Ginevra; 

  Galvano, che si avventura sulle Orcadi, combattendo contro il cavaliere verde; 

  Galahad, figlio di Lancillotto, e Percival che vanno alla ricerca del Graal. 


Dopo l'unificazione della Britannia, Merlino rivela al sovrano la sua missione più importante, la ricerca del Graal.


Graal. "Vaso misterioso che contiene il sangue del Cristo e che soltanto un cavaliere puro e senza macchia può ritrovare allo scopo di liberare il regno di Bretagna dagli incantesimi e dalla sterilità." Errore. Il nome file non e8 valido.

È la "coppa di sovranità" (contenente una bevanda inebriante), equivalente simbolico del calderone del dio-druido Dagda dei racconti mitologici irlandesi. È un simbolo di sovranità, e al tempo stesso d'abbondanza, o addirittura di resurrezione.

Il nome del Graal ? romanzo (forse dal latino gradalis < latino popolare *cratalis). "Rappresenta il passaggio al cristianesimo e al Cristo Re della sovranità celtica".

Il solo testo in lingua celtica menzionante in qualche modo il Graal, o piuttosto il suo antenato, ? la storia di Errore. Il segnalibro non e8 definito. figlio di Evrawc: "[] entrarono due fanciulle portando in mezzo un gran vassoio sul quale giaceva una testa immersa nel sangue" [J. Loth, Les Mabinogion, II, pp. 64-5]..


Infatti nessuno sa più dove  si trovi il suo custode, "Re Pescatore": il Graal ?, di fatto, perduto. Sulla Britannia si abbatte una maledizione chiamata dai Celti Wasteland ("La terra desolata"), uno stato di carestia e devastazione sia fisica che spirituale. Il Wasteland ? stato scatenato dal "Colpo Doloroso", ovvero da un colpo vibrato da Balin il Selvaggio con la Lancia di Longino (in altre versioni, da Re Varlans con la Spada di Davide) nei genitali del "Re magagnato". Il Maimed King si chiama Perlan, Pellehan, Pelles, Lambor, oppure ? identificato con lo stesso "Re Pescatore". Per annullare il Wasteland - spiega Merlino ad Errore. Il segnalibro non e8 definito. - ? necessario ritrovare il Graal, simbolo della purezza perduta.

Un Cavaliere (Parsifal "il Puro Folle", o Galaad "il Cavaliere vergine") occupa allora lo "Scranno periglioso", una sedia tenuta vuota alla Tavola Rotonda, su cui può sedersi (pena l'annientamento) solo "il Cavaliere più virtuoso del mondo", colui che ? stato predestinato a trovare il Graal.

Ispirato da sogni e presagi, e superando una serie di prove "perigliose" (il "Cimitero periglioso", il "Ponte periglioso", la "Foresta perigliosa", il "Guado periglioso", eccetera), Parsifal rintraccia Corbenic, il Castello del Graal e giunge al cospetto della Sacra Coppa.

Non osa però porre le domande "Che cos ? il Graal? Di chi esso ? servitore?", contravvenendo così al suggerimento evangelico "Bussate e vi sarà aperto". Il Graal scompare di nuovo. Dopo che il Cavaliere ha trascorso alcuni anni in meditazione, la ricerca riprende. Finalmente Parsifal (o Galaad) pone il quesito, a cui viene risposto. "È il piatto nel quale Gesù Cristo mangiò l'agnello con i suoi discepoli il giorno di Pasqua. (...) E perch? questo piatto fu grato a tutti lo si chiama Santo Graal" (la frase, che comprende l'insolita etimologia grato-Graal - ? tratta da La Queste del Saint Graal, romanzo di autore anonimo del "Ciclo della Vulgata" del 1220).

Il Re Magagnato si riprende, il Wasteland finisce; Re Artù muore a Camlann e Merlino sparisce nella sua tomba di cristallo (o d'aria ). Il Graal viene riportato a Sarraz (o nel Regno di prete Gianni) da Parsifal e Galaad.


Il 542 d.C. ? stato identificato negli Annales Cambri? quale l'anno della "Battaglia di Camlann" nella quale Artù verrà mortalmente ferito da Medraut.

Artù, ferito mortalmente, incarica il cavaliere della Tavola rotonda Girflet di gettare Excalibur nel lago (e l'ordine regale verrà alla fine eseguito).


In quest'anno quindi Merlino porterà con sé Artù ad Avallon per farlo curare senza più tornare... A tutti gli effetti potrebbe ancora essere vivo, e così pure Arthur...


Merlino viene imprigionato in una tomba di cristallo da Nimue o Viviana, la "Signora del Lago" (da alcuni "unificata" con Morgana (Morgaine, Morgan le Fay),  figlia della regina Igerna (Ygrain) e del duca di Tintagel, Gorlois: compare come sorellastra di Errore. Il segnalibro non e8 definito. nei racconti successivi alle opere di Errore. Il segnalibro non e8 definito.;  il suo nome deriva da un composto celtico *mori-gena, "nata dal mare".); ma continua a vivere "su un altro piano"] dopo la morte di Artù.

Difatti. Innamoratosi della 'Dama del lago', o Viviana [Viviana (Viviane, Niniane), ? la Dama del Lago, istitutrice di Errore. Il segnalibro non e8 definito.: il suo nome, dall'aspetto romanzo, ? privo di un'etimologia celtica chiara (potrebbe essere accostato al nome del Ninian, affluente dell'Oust, a sua volta affluente della Vilaine, uno dei principali fiumi della Bretagna)], a essa Merlino rivela tutti i suoi segreti. Fiducia più che mal riposta: la Dama, con l'inganno, riuscii a imprigionarlo nella 'tomba fatata' che egli aveva preparato per entrambi, per quando fosse giunta la giusta ora. Così rinchiuso, Merlino sarebbe tuttora vivente e nel sepolcro attenderebbe il giorno del giudizio, per poter completare la sua missione profetica


La prigione fatata  sepolcro di Merlino ? situato in luoghi diversi, a seconda delle fonti:

al Marlborough College nel Marlborough (Wiltshire), al Drumelzier nel Tweeddale (Scotland), a Bryn Myrddin (Merlin's Hill) vicino a  Carmarthen (Galles), la  Tomba di Merlino nella foresta di Broceliande, vicino a  Paimpont (Bretagna) e a Ynys Enlli (Bardsey Island) al largo della  penisola di Lleyn (Galles).


Nel mondo secondario  disegnato da J. R. R. Tolkien nell'imponente trilogia Il Signore degli anelli, il mago Gandalf ? chiamato anche dagli elfi Mithrandir ('Il Grigio Pellegrino'), prima che diventi il capo del 'Bianco Consiglio', e il nome di Myrradim (Merlino, in inglese) ? il nome dello smeriglio, un piccolo 'falco grigio'.


8. I 13 Tesori di Britannia

Sono chiamati Mabinogion (al plurale) i "quattro rami" del Mabinogi [dal gallese mabinog, "discepolo", con evidente riferimento all'apprendimento orale da parte dei poeti di corte], vale a dire i racconti gallesi medievali che costituiscono il "ciclo mitologico" brittonico (i cui testi risalgono al XII, se non all'XI secolo): Mabinogi di Pwyll, principe di Dyfed; M. di Branwen, figlia di Llyr; M. di Manawyddan, figlio di Llyr; M. di Math, figlio di Mathonwy.

Sono aggiunti a questi, nei manoscritti, alcuni Errore. Il segnalibro non e8 definito.: Lludd e Llevelys, Kulhwch e Olwen, Il sogno di Rhonabwy, Il sogno di Maxen Wledic, Owen e Llunet, Errore. Il segnalibro non e8 definito. Ab Evrawc, Gereint e Enid. In essi Arthur prende parte a molte avventure, tra cui la caccia a un cinghiale magico e un viaggio nell'Altro Mondo celtico, chiamato in medio gallese Annwfn.

"Culhwch e Olwen" ? il primo dei cinque racconti legati alla saga della Tavola Rotonda (gli altri sono: "Il sogno di Ronabwy", "La Dama della Fontana", "Peredur, figlio di Evrawc" e "Gereint e Enid") in cui compare Re Artù. Può essere considerato un puro racconto in stile narrativo gallese, dove Artù non ? ancora investito degli influssi anglo-normanni e della tradizione francese. La trama principale ? quella della "figlia del gigante" il cui più noto riferimento ? "Giasone e Medea"; ma nel fitto intreccio del racconto si dipanano anche numerosi temi riconducibili a fiabe e a leggende popolari. L'eroe, Culhwch, si reca dal suo cugino germano Artù a richiedere il suo aiuto per la conquista della mano della bella Olwen figlia del Capo di Giganti. La corte di Artù, non ricorda minimamente quella dei romanzi francesi ove regna l'eleganza e la raffinatezza: ? un'assemblea molto composita di fantastici personaggi possessori di incredibili virtù e raccolti dalle più diverse tradizioni.

I guerrieri nominati da Culhwch suonano come un elenco di cicli storici andati perduti ed i primi guerrieri chiamati sono Kei e Bedwir che, insieme a Gwalchmei-Galvano ritroveremo, alquanto trasformati e umanizzati, tra i più celebri Cavalieri della Tavola Rotonda. Si trovano  in questo brano i recipienti magici tipici dell'Oltretomba celtico: una coppa, un corno, un paniere, delle bottiglie ed un paiolo con le loro magiche virtù o l'inesauribile provvista di cibo e di bevande, caratteristica che sarà, più tardi. anche del Graal. Essi si ricollegano alla leggenda dei tesori di Britannia che narra di tredici oggetti magici  patrimonio di dei ed eroi, conservati a Caer Llion sull'Usk e da Merlino nascosti per sempre, alla vista dei mortali, nella sua prigione d'aria.


9. Leggende parallele

La Vita Merlini, di Geoffrey, presenta molte analogie con altre leggende celtiche:  la ritroviamo anche in altri due testi latini, provenienti, forse, dallo Strathclyde, e denominati Lailoken et Kentigern e Laíloken et Meldred. Lailoken non sarebbe altro che lo stesso personaggio che Goffredo chiama Merlino. Le sue vicende, infatti, corrispondono a quelle cantate da Goffredo nel suo poemetto: la follia conseguente a una battaglia, la vita selvatica, le virtù profetiche. Simili, se non uguali, anche gli episodi secondari. Solo la sorte del protagonista cambia: Lailoken, infatti, muore, ucciso nella foresta dagli uomini del re Meldred. Strettamente connesso a tali testi appare un racconto irlandese, il Buile Suibne ("la follia di Suibne"), in cui ? il re irlandese Suibne a vivere le medesime avventure di Lailoken, inclusa la tragica fine, e di Merlino.


La mia natura mi costringe,

di tanto in tanto,

ad appartarmi dalla compagnia degli altri uomini

Voglio che sappiate che,

se saprò che vi trovate in difficoltà,

accorrerò in vostro aiuto,

e vi consiglierò sotto ogni aspetto

(Merlino)